RITARDO EROGAZIONE INDENNITA' 600 EURO COVID19 MESE MARZO

Decreto “Cura Italia” e “D.L. Liquidità”Categoria: PrevidenzaRITARDO EROGAZIONE INDENNITA' 600 EURO COVID19 MESE MARZO
Andreas ha scritto 3 giorni fa

Buongiorno, sono titolare di partita IVA (codice attività: 461897) e lavoro (anzi, ho lavorato prima della nostra drammatica situazione) nel settore pubblicità/turismo. Il 2 aprile scorso ho fatto la domanda in Oggetto, il 7 aprile ho ricevuto conferma di ricevuta da parte dell’INPS, il mio stato attuale della domanda è “IN ATTESA DI ESITO”. Ho mandato a loro diverse mail (anche tramite PEC) e ho telefonato al numero verde giovedì scorso, per avere notizie precise sullo stato della domanda. Mi continuano a dire di riprovare e che la domanda risulta anche a loro “IN ATTESA”, ma non possono metterci mano. Io che devo fare? Non c’è un criterio logico nel pagamento, me lo ha confermato anche l’INPS, pago da una vita i contributi e il 16 maggio ho la prossima scadenza. Secondo voi, come mi devo comportare, visto che il presidente INPS ha assicurato a tutti il pagamento dell’indennità? 
Vi ringrazio per una risposta e mando i miei cordiali Saluti.
Andreas

1 Risposte
Mirella Forlini L'esperto ha risposto 3 giorni fa

Buongiorno
purtroppo tante persone che hanno presentato la richiesta del Bonus 600 euro sono ancora in attesa di conoscere l’esito della loro domanda e del relativo pagamento dell’indennità.
Il volume delle richieste è stato sicuramente elevato ed è possibile che l’INPS stia effettuando le verifiche inerti i requisiti per il diritto alla prestazione stessa.
È possibile quindi che la dicitura “In attesa di esito” indichi che l’Istituto stia controllando i requisiti per l’accesso all’indennità e la correttezza di tutti i dati indicati (es. categoria, Iban, ecc.).
Comprendiamo la situazione di difficoltà ma non abbiamo indicazioni ufficiali da parte dell’INPS sui tempi di erogazione del bonus.
Cordiali saluti