commercio in forma itinerante beni non alimentari

Decreto “Cura Italia” e “D.L. Liquidità”Categoria: Categoriecommercio in forma itinerante beni non alimentari
Vita Randazzo ha scritto 2 anni fa

Commercio su aree pubbliche. Gli ambulanti possono vendere beni di prima necessita in maniera itinerante?

1 Risposte
Marilisa Rizzitelli L'esperto ha risposto 2 anni fa

In base al DPCM dell’11 marzo 2020 sono sospese tutte le attività commerciali al dettaglio, ad eccezione del commercio di generi alimentari e di quelli di prima necessità nell’ambito degli esercizi di vicinato e delle medie e grandi strutture di vendita, anche quando inseriti nei centri commerciali.
Restano chiusi anche i mercati, coperti o scoperti, su area attrezzata o su strada, ad eccezione dei soli posteggi in cui si effettua la sola vendita di generi alimentari (e non anche dei beni di prima necessità).
Sembrerebbe essere sospesa quindi l’attività di vendita relativa agli operatori del commercio su aree pubbliche:
• su posteggi isolati, fuori dai mercati e dunque su qualsiasi strada o piazza, anche se per il commercio di prodotti alimentari;
• in forma itinerante, anche se di prodotti alimentari.
La Confesercenti ha posto al Governo un quesito per conoscere se tali forme di commercio su aree pubbliche, per la vendita di prodotti alimentari, possano essere ammesse.

Ci pare comunque da escludere, allo stato, la vendita di prodotti di prima necessità in forma itinerante.

E’ invece consentita la consegna a domicilio di qualsiasi prodotto, su richiesta del cliente.